Sei in
Categoria: Investimenti Alternativi

Conviene investire sul petrolio in questo momento?

Conviene investire sul petrolio in questo momento?

I prezzi del petrolio sono crollati sotto zero. Molte persone mi hanno chiesto se sia il caso di acquistarlo dati i prezzi ultra bassi. Conviene INVESTIRE SUL PETROLIO in questo momento? Con quali strumenti è meglio farlo?

Per rispondere a questa domanda è necessario un breve viaggio nel mondo del petrolio per capirne le dinamiche e il funzionamento.

Come avvengono gli scambi sul mercato del petrolio?

Il petrolio è andato in negativo, non significa che il prezzo del barile è negativo, ma che il contratto sul petrolio ha prezzo negativo. I contratti petroliferi non vengono scambiati come le azioni. Scadono mensilmente in modo che il greggio possa essere consegnato agli acquirenti alla data prevista.

I partecipanti comprano e vendono petrolio usando futures o opzioni. Questi sono contratti a termine in cui viene fissato un prezzo tra un acquirente ed un venditore ed hanno scadenza mensile. Questo significa che oggi acquistiamo da un magnate saudita un cargo di petrolio a $20 al barile. E so che al prezzo di vendita di oggi posso rivendere il cargo a Trieste per $25 (che include costi di assicurazione, noleggio nave etc). Quello che posso fare è entrare nel mercato dei derivati fissare quel prezzo che mi dà un guadagno di $5. ll mercato dei futures (contratti derivati) si muove in base alla domanda e offerta del mercato del petrolio.

Perché il petrolio è negativo?

 Il fatto che il contratto sul petrolio sia ora negativo dipenda dalla struttura del mercato.

 Vi sono due principali strutture di mercato: il Contango e il Backwardation.

Il mercato è in Contango quando vi è più offerta che domanda nel mercato, ed è la situazione attuale, in cui non è conveniente vendere oggi perché il prezzo è troppo basso, conviene stoccare il prodotto in un magazzino e attendere un aumento dei prezzi.

La Backwardation è il contrario, quando vi è più domanda che offerta. Quindi è più redditizio vendere oggi.

Nel mondo del petrolio, il ruolo dello stoccaggio è molto importante, perché aiuta a livellare gli scostamenti tra domanda e offerta. Senza stoccaggio, quando la domanda diminuisce, i produttori e le raffinerie dovrebbero chiudere immediatamente. Questo è impossibile per la complessità del processo di estrazione. Non si spegne un pozzo o una raffineria con un interruttore.

Il future sul petrolio negativo significa che c’è talmente tanta offerta rispetto alla domanda nell’economia globale, che chi vende è disposto a pagare pur di liberarsene. E’ una situazione paradossale, che potrebbe anche peggiorare perchè non c’è più spazio per lo stoccaggio di petrolio grezzo.

 Il COVID-19 e il conseguente lockdown hanno ridotto drasticamente il consumo di petrolio.  La gente non si muove, non viaggia, i voli sono fermi, le aziende sono chiuse.

La Cina, uno dei massimi acquirenti, non sta consumando ed è fuori gioco per qualche mese.

Il cartello dei paesi produttori di petrolio l’OPEC e la Russia hanno deciso di non ridurre la produzione giornaliera. Una riduzione servirebbe in una fase in cui la domanda è in calo.

Conviene investire sul petrolio in questo momento?

Se si scommette su una variazione di prezzo giornaliera o settimanale si può acquistare un etf per fare trading.

Se si compra con la logica di medio lungo periodo, attendendosi che il prezzo del petrolio torni a livelli “normali” nel medio lungo periodo un investimento in un eft comporta attualmente rischi di perdite molto elevate. Le perdite possono verificarsi quando i fondi/etf si trovano ad alzare il sipario sulla loro esposizione alla scadenza dei contratti.

Se i prezzi dei contratti attuali sono al di sotto dei contratti per la consegna futura, allora un fondo petrolifero è costretto a vendere i propri contratti al prezzo più basso, per poi acquistare il contratto del mese successivo a un prezzo più alto solo per mantenere le proprie partecipazioni.

I maggiori ETF petroliferi hanno visto le loro partecipazioni nette aumentare del 400% nell’ultimo mese. Questi fondi petroliferi saranno esposti a perdite variabili ogni mese fino a quando i fondamentali del mercato non si stabilizzeranno. Questo processo di normalizzazione potrebbe richiedere diversi mesi. 

In questa situazione è più prudente e più redditizio comprare azioni di aziende che gravitano nel settore dello stoccaggio o di compagnie marittime. Fino a quando l’economia globale non ripartirà a ritmi sostenuti, sarà necessario stoccare il petrolio. I costi di stoccaggio e di trasporto merci aumenteranno e ne beneficeranno le società attive in questi servizi.

Questi alcuni suggerimenti utili per investire sul petrolio, alla luce delle opportunità attualmente presenti sul mercato.

Per ricevere un servizio di consulenza finanziaria studiato per le tue specifiche esigenze, ecco i miei contatti.

Daniela Garoia – Consulente finanziario

Private Equity: un investimento vantaggioso per investitori pazienti

Private Equity: un investimento vantaggioso per investitori pazienti

Il Private Equity è un investimento vantaggioso nel tempo

 

Se sei alla ricerca di un investimento alternativo che ti possa far ottenere rendimenti elevati, senza vedere continuamente il tuo patrimonio andare su e giù, allora il Private Equity potrebbe essere la soluzione giusta.

C’è solo una condizione che devi rispettare: devi avere pazienza.

Essere paziente sia nei tempi d’investimento, che nella tempistica del disinvestimento.

Apple è nata in un piccolo garage che conteneva una grande idea, ma ha dovuto attraversare periodi durissimi prima di diventare il primo brand al mondo. I casi di successo in America non mancano. Questo dipende dal fatto che da decenni le imprese ricorrono a questa modalità di finanziamento: vendita di quote d’azienda ad investitori privati nelle varie fasi del loro sviluppo prima della quotazione in borsa. Molte imprese di successo, in Usa come in Italia, sono passate attraverso lo strumento del  Private Equity.

 

Saresti felice di avere l’occasione di entrare nel capitale di un’azienda che vuole creare un nuovo mercato?

Chi ha investito in azioni Apple o Amazon, dopo la loro quotazione ha avuto enormi guadagni, ma i rendimenti maggiori sono stati per chi ha avuto la possibilità di inserirle in portafoglio quando ancora non erano quotate. Entrare nel capitale di una società innovativa e con buone prospettive di crescita prima della quotazione rappresenta un investimento vantaggioso. Nel nostro Paese le idee innovative non mancano, come non mancano gli investitori, la soluzione che ci permette di creare valore per entrambi è il Private Equity.

 

Cosa è il Private Equity?

I fondi di Private Equity sono fondi chiusi a durata prefissata che investono i capitali conferiti in aziende di piccole medie dimensioni, che hanno grandi potenzialità di crescita e sviluppo.

Un fondo di Private Equity seleziona società non quotate in cui investire attraverso l’acquisto di quote, ai fini di consentire a queste aziende il lancio, lo sviluppo o il recupero del business aziendale.

L’obiettivo è quello di rivendere la partecipazione stessa, dopo un periodo medio/lungo, a un prezzo notevolmente superiore a quello di acquisto.

Il fondo di Private Equity entra in qualità di socio finanziatore per permettere la crescita di queste aziende, con l’obiettivo dichiarato di andare poi a rivendere sul mercato le quote di partecipazione ad un valore molto più alto di quello pagato.

 

L’investimento in un fondo di Private Equity è un’opportunità straordinaria.

Questo perchè:

  • consente di decorrelare una parte del tuo patrimonio, rispetto agli andamenti altalenanti del mercato;
  • permette di essere immune alla volatilità tipica dei mercati finanziari tradizionali;
  • riduce la volatilità complessiva del tuo patrimonio;
  • offre rendimenti superiori ai ritorni degli investimenti tradizionali;
  • accede ad investimenti in aziende dove tu non avresti normalmente modo di entrare;
  • ti dà l’opportunità di partecipare a nuove idee, di essere sostanzialmente tra i primi;
  • rende possibile l’investimento in business reali non influenzati dalla finanza.

Allo stesso tempo però vanno tenuti presenti alcuni aspetti che rendono questa tipologia d’investimento non adatta a tutti. L’investimento in fondi di Private Equity è:

  • illiquido, non è possibile liquidare l’investimento in ogni momento;
  • soggetto a tempi lunghi, orizzonti temporali superiori ai cinque anni, questo per consentire alle aziende finanziate di crescere e svilupparsi;
  • rischioso, si diventa soci delle aziende finanziate.

Questi alcuni suggerimenti utili per valorizzare i  propri investimenti, alla luce delle opportunità attualmente presenti sul mercato.

Per ricevere un servizio di consulenza finanziaria studiato per le tue specifiche esigenze, ecco i miei contatti.

Daniela Garoia – Consulente finanziario